Visualizzazioni totali

mercoledì 29 dicembre 2010

Sulla traccia della camera d'ambra scoperta una mappa



MILANO - Il tedesco Andreas Uckert, scrive il giornale online Austrian Times, è alla ricerca di un finanziatore per iniziare le ricerche del tesoro degli zar, ovvero la «camera d'ambra» regalata nel 1716 da Federico Guglielmo I re di Prussia allo zar Pietro il Grande. Uckert sostiene di avere una mappa con l'indicazione del posto dove si trova l'originale della preziosa stanza del Palazzo di Caterina a San Pietroburgo, sparita durante la guerra e ricostruita a partire dal 1957. Sarebbe nei pressi di Fulda (centro della Germania), seppellita in tre bunker. Sulla mappa vi sarebbero anche alcune frasi scritte in inchiostro simpatico con la firma AH (Adolf Hitler?).

EFFETTO ORO - La camera d'ambra, un capolavoro dell'arte barocca, era grande più di cento metri quadrati, rivestita dal pavimento al soffitto con 107 pannelli di ambra del mar Baltico. Quando le 565 candele venivano accese l'effetto era magnifico: sembrava di essere immersi nell'oro. Gli incisori di Koenigsberg avevano impiegato sette anni per completarla. Pietro il Grande la fece montare dall'architetto fiorentino Francesco Bartolomeo Rastrelli (1700-1771) a Tzarskoe Zelo e per 200 anni fu il gioiello più prezioso dei Romanov. La bellissima opera d'arte fu asportata dai nazisti durante i tre anni del terribile assedio di Leningrado. In quel periodo, Tzarskoe Zelo e il suo tesoro furono saldamente in mano ai tedeschi. Quando, nel '43, le sorti della guerra cambiarono e l'Urss passò alla controffensiva, i nazisti smontarono la camera d'ambra pezzo per pezzo e la imballarono in ventidue casse d'acciaio che furono trasportate nell'ex palazzo reale di Koenigsberg. L'anno dopo, i sovietici conquistarono la Prussia orientale e le casse finirono nelle mani delle SS.

LA CACCIA E' APERTA - Da allora, del tesoro degli zar, si sono perse le tracce. L'attuale valore monetario della camera dovrebbe aggirarsi intorno ai 150 milioni di euro. «È da una vita che vado alla ricerca di vecchi documenti. Ho trovato la mappa in una bancarella a Berlino lo scorso 17 giugno. Sulla mappa vi sono un'aquila e una svastica. Mettere in vendita simboli nazisti è un reato, in Germania. Forse per questo il venditore me l'ha ceduta per pochi soldi e in fretta. Osservandola meglio, mi sono accorto delle scritte nascoste che ho potuto leggere con una torcia elettrica», dice Andreas Uckert. Nel passato, la camera d'ambra è stata cercata dappertutto: nelle fortezze della Turingia e nei castelli sassoni, dentro il relitto di una nave affondata nel mare del Nord e nelle vicinanze del Nido dell'aquila a Berchtesgaden, la residenza estiva di Adolf Hitler. Andreas Uckert cerca, appunto, un mecenate che paghi le spese delle ricerche. Il giornale austriaco mette anche il suo numero di telefono. Eccolo, per chi fosse interessato ad una caccia al tesoro: +49 3306 204 71 98.
Fonte
Paolo Torretta corriere delle sera

mercoledì 22 dicembre 2010

I piu' ricchi naufragi ancora da scoprire


Qui di seguito i relitti dei piu' ricchi naufragi ancora da scoprire o scoperti parzialmente.
Flor de la Mar - Sumatra, Malaysia
Tra i più ricchi naufragi mai recuperati nel 16 ° secolo la nave portoghese, Flor de la Mar è affondata nel 1.511 in una tempesta al largo della costa settentrionale di Sumatra.Essa conteneva i tesori rubati del regno di Melaka di cui 60 tonnellate d'oro sono ancora da scoprire nonostante si trovi in alcune delle migliori acque piu' visitate al mondo dai sub.
Merchant Royal - Dartmouth, Regno Unito
Uno dei piu' grandi tesoro non trovati della Gran Bretagna si trova a 21 miglia (34 km) da Land's End, in Cornovaglia. Il Merchant Royal, ritornando in Inghilterra con un carico di tesoro spagnolo affondo'a causa di una bufera il 23 settembre 1641, conteneva 500 barre di oro, argento e pietre preziose.
San Jose - Penisola Baru, Colombia
Nel 1708, durante la guerra di successione spagnola,il comandante inglese, Charles Wagner catturava e affondata nave spagnola San Jose, in meno di 1000 piedi (305 metri) di acqua cristallina, tra la Isla del Tesoro (nota come isola del tesoro) e Baru Penisola.Il carico del San José è stimato oggi per un valore di oltre un miliardo di dollari.
Nuestra Senora de Atocha - Key West, Florida,USA
Nel 1985, in Florida,il cacciatore di tesori Mel Fischer ha trovato il filone principale, quando, dopo 16 anni di caccia a questa nave, ha individuato il relitto della Nuestra Señora de Atocha a circa 35 miglia (56 km) al largo della costa di Key West, in Florida.Ha recuperato oltre 40 tonnellate di argento e oro, 100.000 monete spagnole e smeraldi colombiani,e ancora non stato scoperto tutto.
HMS Victory - Canale della Manica, Regno UnitoNel 2009 la società americana Odyssey Marine Exploration ha annunciato di aver scoperto la nave ammiraglia di Lord Nelson, affondato nel 1744, su un gruppo di rocce conosciuto come The Casquets vicino alle isole della Manica.Si pensa che contenga oltre 100.000 monete d'oro.
Notre Dame de la Deliverance - Key West, Florida, USA
Nel novembre del 1755 il galeone spagnolo di Notre Dame de la De la liverance che trasportava tesori raccolti dalle miniere in Messico, Perù e Colombia.affondo in un uragano , a 40 miglia da Key West in Florida. Contenente una cifra stimata di 2 miliardi di oro e argento , il luogo dell'affondamemto sarebbe stato scoperto nel 2003, ma deve ancora essere recuperato.
Hoi An Junk - Da Nang Penisola, Vietnam
Negli anni 1990 una giunca è stato scoperto in oltre 260 piedi (79 metri) di acqua, a 14 miglia (22,5 km) dalla penisola di Da Nang,in Vietnam.Sembra essere di origine thailandese, spettacolare il suo carico di ceramiche blu e bianche e policrome, dipinte con figure umane, paesaggi, pesci, uccelli e animali mitologici, risale al Vietnam's Golden Age of metà del secolo 15.

sabato 18 dicembre 2010

RIPORTATO IN SUPERFICE UNA NAVE DEL 14° SECOLO DA UN TSUNAMI

La natura prende e la natura da.
Una nave affondata del 14° secolo e contenente ceramica verde e grigia è stato trovato al largo di alcune remote isole indonesiane di recente colpite da uno tsunami.
I pescatori che hanno trovato la nave ritengono che il 26 ottobre un onda al largo delle isole Mentawai - che ha ucciso più di 500 persone - sollevò di 7 metri una nave dal fondo dell'oceano e la spinse vicino a riva, ha detto Yosmeri, che dirige a ovest di Sumatra marittimi e della pesca Dipartimento.
Navi di legno cariche di vasi in ceramica, collane d'oro e spezie preziose per secoli han navigato nelle acque indonesiane, una rotta commerciale chiave che collega l'Asia con l'Europa e il Medio Oriente.
I vasi, brocche e ciotole trovate la scorsa settimana devono ancora essere sottoposti a test per determinare la loro origine e l'età, ma ha aggiunto che sono simili agli artefatti 14 ° secolo si trova all'interno affondate le navi cinesi.
Pescatori locali dicono che hanno trovato la nave di legno dopo aver individuato il suo albero di 4 miglia (6 km) dalla spiaggia off Pagai Island, più duramente colpite dallo tsunami.
Costoro si sono immersi nell'acqua e sono emersi con diverse brocche ben conservati e vasi trovati nello scafo, che hanno detto era carico di altri tesori.
Immagini dei reperti sono stati inviati nella capitale, Giacarta, e le squadre saranno inviate nella zona presto per effettuare una ricerca più ampia

mercoledì 15 dicembre 2010

TROVATI 24 CHILI DI MONETE D'ORO TROVATE IN VIETNAM



Venti quattro chilogrammi di monete risalenti al 18 ° secolo sono stati trovati in una residenza privata a Hai Phong City.
Le monete sono state consegnate al Museo della città in questa settimana, ha detto Do Trung Xuan, il vice-direttore del museo.
Nguyen Van Bay era intento ad un lavoro di ristrutturazione di un piccolo molo di legno sopra un laghetto di fuori della sua casa in Quoc Tuan Comune, un distretto Lao, quando ha trovato le monete antiche.
Trung ha detto che dopo la pulizia e la cernita, hanno trovato che alcune monete erano state coniate durante il regno di Cina di Qianlong, mentre altri erano stati prodotti dai contadini in rivolta del Vietnam nel 18 ° secolo.
Le monete sono state imballate in un vaso in terracotta variopinto e nascosto nello stagno. All'interno del vaso vi erano anche dei dobloni in zinco-bronzo che hanno assunto una colorazione scura nel corso degli anni.
La famiglia Bay è stata premiata dal Museo per la loro scoperta e la loro disponibilità per averlo consegnato al museo.
Trung ha detto che il museo della città ha una vasta collezione di monete antiche, ma nessun archeologo fino ad oggi aveva mai fatto una scoperta di quest'entità. I tesori antichi sono in grado di raccogliere polvere nel museo per mancanza di cure di esperti. Le monete recentemente scoperte probabilmente avranno un destino simile.

fonte http://www.antikitera.net/news.asp?id=9615&T=4

Trovati tesori in un fiume cinese

In un fiume di una borgata di Pengshan, nella provincia del Sichuan è stata battuto da cacciatori di tesori da quando una lastra di bronzo è stata scoperta. Funzionari del governo locale ha detto che la corsa all'oro è motivo di preoccupazione.
La gente cerca presso il fiume fino Minjiang in borgata Jiangkou, Pengshan, dove Zhang Xianzhong (1606-1647), il leader di una rivolta contadina durante la fine della dinastia Ming (1368-1644), affondò numerose barche piena di gioielli.
Una voce che un piatto d'oro è stato trovato nel letto del fiume ha sollevato interesse tra i residenti locali. Il locale ufficio culturale ha dichirato che era solo una targa di bronzo non oro, ma nonostante tutto non si è riuscito a fermare la corsa all'oro.
Liao Mingfang, segretario del Partito del villaggio Shuangjiang in Jiangkou, ha detto al Global Times che circa 300 cacciatori di tesori hanno visitato la riva del fiume Minjiang ogni giorno.
Liao ha detto che alcuni di loro hanno trovato gioielli in oro o argento e li hanno venduti o conservati. "Alcuni abitanti del villaggio hanno venduto un anello o una collana per 50.000 yuan (7.500 dollari)," ha detto Liao.
"Solo tre funzionari del Cultural Pengshan Relic Bureau sono arrivati sulla riva del fiume per fermare i cercatori d'oro, ma nessuno dei cercatori ha rispettato i loro ordini", ha detto Liao.
Secondo la legge sulla protezione dei beni culturali Reliquie, chi si rifiuta di consegnare le reliquie culturali potrebbero essere multati fino a 50.000 yuan (7.499 dollari) e gli oggetti saranno sequestrati.

TESORI E LEGGENDE L'ORO PERDUTO DELLA CONFEDERAZIONE

Molti stati americani e regioni del canada hanno i propri aneddoti
sull'oro perduto della Confederazione. seconcdo Warren Getler e Bob
Brewer, gli autori di Rebel Gold, negli anni sessanta del 1800 alcune spie
del sud provenienti da ogni parte della confèderazione seppellirono
milioni di dollari in oro da una parte all,altra del Canada, con la
speranza di finaziare in futuro una seconda guerra. Alcuni credono
che gran parte di quest'oro sia stata trasferita negli stati del sud. Le
storie sull'oro confederato abbondano, ma una di esse spicca sulle altre
ed è uno dei misteri piu'duraturi della Georgia.
Quando le monete d'oro e i lingotti scomparivano nel l865 valevano circa
100.000 dollari. Oggi, questo tesoro varrebbe oltre un milione di dollari.
Il 24 maggio 1865, due carovane furono caricate con una piccola fortuna
in oro. Una carovana conteneva cio che restava del tesoro della
confèderazione, l'aitra era piena di denaro proveniente dalle banche
della Virginia. Esistono varie versioni su quanti fossero i carri, su quanto
contenessero e su dove fossero diretti. Lufficio del turismo di Lincoln
County' afferma: sette carri carichi d'oro partirono da'Washington [in
Georgia] diretti a Abbeville, nella calorina del sud, dove l'oro doveva
essere inviato tramite la ferrovia verso la capitale della confederazione,
Riclimond, in virginia. Altri racconti narrano che l'oro fu portato via
dalla virginia in tutta fretta quando Jefferson Davis si diede alla fuga.
Un'altra versione ancora racconta che il denaro fu portato dal capitano
di marina'William H. Parker e dai suoi uomini ad Anderson, nella
carolina del sud, e poi a Savannah, dove sarebbe stato caricato su una
nave diretta in Francia. I francesi avevano fornito ingenti somme per
finanziare la causa delLa confederazione e Jefferson Davis giuro che
avrebbe restituito il prestito.
Pare che Parker si accampo nelia piantagione dei Chennault, fuori
washington, in Georgia, dove si incontro con Jefferson Davis. Gli fu
detto di procedere verso Augusta e Savannah e di tenersi alla larga dalle
truppe dell'Unione dislocate in forza in tutta la Georgia.
Si mise in viaggio e, dopo essersi imbattuto nelle forze dell'Unìone,
dovette quasi immediatamente tornare indietro alla piantagÌone dei
Chennault. Parker non poté chiedere nuove istruzioni, perche Jefferson
Davis era già partito. Quindi il suo reparto fu assalito dai guerriglieri a
pochi metri dalla casa. Parker e i suoi fuggirono con il bottino, ma molti
credono che, non potendo portarlo via tutto, lo abbiano seppellito nella
piantagione e nei suoi dintorni. Altri sostengono che l'oro fu distribuito
ma gli abitanti del luogo e alcune voci affermano che una grossa parte
sia stara seppellita dove si incontrano i fiumi Apalachee e Oconee. Ma
sopravvive la leggenda secondo cui gran parte dell'oro fu sepolta da
qualche parre neila piantagione.
Le truppe dell'Unione occuparono subito la piantagione per cercare
L'oro e torturarono brutalmente la fàmiglia Chennault e altri membri
della tenuta per far confessare loro il luogo dove scavare. Furono anche
portati a Washington per essere nuovamente interrogati, ma nessuno di
loro sapeva o nessuno di loro rivelo il luogo in cui si trovava il tesoro
perduto.
La piantagione dei chennault, dopo questi fatti, fu soprannominata la
fattoria dorata". Numerosi cacciatori di tesori sconfinarono nella
proprietà in cerca dell'oro. Molte monete d'oro sono state trascinate
dalle violente piogge lungo sentieri fangosi vicino alla piantàgione, ma
la parte piu consistente rimane nascosta.

martedì 14 dicembre 2010

TESORI E LEGGENDE LE MONETE DOPPIA AQUILA DEL 1933



LE MONETE DOPPIA AQUILA DEL 1933
Le Doppie Aquile erano monete d'oro da 20 dollari coniate tra il 1850
e il 1933. Riproducono da un lato la figura eretta della liberta' e
dall'altro un'aquila. Erano chiamate Doppie Aquile perche fino al
tempo della Corsa dell'Oro in California la moneta piu alta valeva 10
dollari. Oggigiorno sono le monete piu rare e preziose nel mondo.
Quando divenne presidente degli Stati Uniti nel 1933, Franklin Roosevelt
porto il Paese fuori dal sistema aureo in modo che l'economia potesse
riprendersi dalla Grande Depressione. Fece ritirare da1la circolazione tutte
le monete d'oro, cosicché possederne divenne illegale. Molti cittadini
consegnarono le loro monete d'oro alle banche ma, nel frattempo, la Zecca
americana aveva coniato 445.000 monete da 20 dollari de1 1933. Non
furono mai messe in circolazione, furono invece fuse e distrutte.
Inizialmente si pensava che fossero state distrutte tutte eccetto due,
affidate allo Smithsonian Institute affinche le conservasse. Tuttavia,
qualche anno dopo, quando le Doppie Aquile iniziarono a ricomparire
nelle case d'asta,divenne chiaro che molte di esse erano state rubate pima di essere distrutte.
I servizi segreti americani entrarono in azione per rintracciare le monete ormai illegali e scoprirono che George McCann direttore della zecca americana ne aveva rubate dieci.Alla fine ne furono trovate solo nove ma la decima finì nella collezione del re d'Egitto Farouk, uno tra i maggiori collezionisti di monete al mondo. Questo esemplare, insieme agli due dello Smithsonian Institute, rappresentano gli unici tre tuttora esistenti.Nel 1944,per esportare una Doppia Aquila del 1933, re Farouk richiese una licenza, che il Dipartimento del Tesoro concesse poiché ignorava in quel momento il furto delle dieci monete. Solo in seguito il Dipartimento si rese conto di aver commesso un errore grossolano, dal
punto di vista giuridico e diplomatico. La moneta, infatti, era illegale e
per di piu rubata, ma nel pieno della Seconda guerra mondiale non era
certo opportuno sollevare un caso diplomatico, laddove i'Egitto aveva
una posizione strategica tanto importante nel cuore del Mediterraneo.
E così la CIA dovette attendere fino a quando nel 1952, Farouk fu deposto.
e la sua collezione di monete messa all'asta.
Tuttavia, subito dopo che il governo americano ebbe ordinato
ufficialmenre al governo egiziano di togliere dall'asta la moneta rubata e di
restituirla agli Stati Uniti, questa svani per circa mezzo secolo. Riapparve
nel 1996, quando un eminente e rispettato commerciante di monete,
l'inglese Stephen Fenton, porto al Waldorf Astoria Hotel di New York una
Doppia Aquila de1 1933 per venderla a dei collezionisti americani. I
collezionisti erano agenti federali, Fenton fu arrestato e la moneta
confiscata.Si pensa che sia la stessa appartenuta alla collezione di Farouk.
Fenton fu rilasciato e ricorse al tribunale per tutelare la sua reputazione
e dimostrare il legittimo diritto di proprietà. Nel frattempo 1a moneta fu
custodita in una cassaforte del World Trade Center. La questione fu
risolta fuori dal tribunale e la moneta venne trasferita a Fort Knox,nel
Kentucky, mentre venivano fatti i preparativi per metterla all'asta.
L'asta si svolse presso Sotheby's il 30 luglio 2002 e la moneta fu venduta
per 7.590.020 dollati a un offerente anonimo. La direttrice della Zecca
americana, Henrietta Holsman Fore, ne parlò come della moneta piu'
preziosa del mondo. David Redden, vicepresidente di Sotheby's, e
Lawrence R. Stack, amministratore delegato de1la Stack, affermarono:
La storia di questa moneta e uno dei piu' grandi misteri numismatici di
tutti i tempi. Tuttora, la moneta è in mostra presso la Federal Reserve
Bank di New York.
La moneta ora ha corso legale. Dopo l'asta,la Zecca americana ne
cedette la piena titolarita, rendendola l'unica Doppia Aquila del 1933
per la quale è autorizzato il possesso privato. Qualunque altra in
circolazione è ancora illegale perche rubata, e in una secca
comunicazione ufficiale i1 Dipartimento del Tesoro ha dichiarato che
ogni moneta uiteriormente ritrovata sarà confiscata e distrutta.

lunedì 13 dicembre 2010

TROVA UNA STATUA EGIZIANA FACENDO GIARDINAGGIO IN GIARDINO E LA VENDE PER DIECIMILA STERLINE



Stava facendo del giardinaggio in giardino, quando la zappa incontra la testa di una scultura egiziana del 1700 a.c.

Il proprietario ha dichiarato di non sapere come sia arrivata nel suo giardino, ma capitone il valore la mette in vendita per 10.000 sterline.

La scoperta è stata effettuata nella città di Derby in Inghilterra e probabilmente andrà a rimpinguare la collezione egizia del British Museum.

Il proprietario ha voluto restare in incognito, ma il curatore del museo ha detto che dopo averne capito di cosa si trattasse e della sua antichità si è rallegrato di non avergli fatto troppi segni con la zappa.

fonte http://www.antikitera.net/news.asp?id=9595&T=2

100.000 MONETE ROMANE TROVATE IN FRANCIA

Gli scavi archeologici nei pressi di Autun, in Francia, hanno portato alla scoperta di un antico quartiere fatto di botteghe e abitazioni agiate.
Durante le ultime settimane di ricerca, gli archeologi hanno inoltre rinvenuto un grande deposito di monete di epoca romana.
Sepolte in una fossa sigillata con delle piastrelle, vi erano circa 100.000 monete romane risalenti alla fine del III secolo d.C. Si tratta di monete di bronzo molto piccole, ciascuna pesante all'incirca 0, 4 grammi, per un totale di circa 38 kg.
Sono degli esemplari "non ufficiali", come d'altronde era ampiamente diffuso durante quel periodo molto travagliato che fu la seconda metà del terzo secolo. In quel lasso di tempo l'impero romano venne colpito da una serie di crisi gravissime: le guerre tra pretendenti al trono, le epidemie, il peso finanziario e politico dell'esercito, la pressione alle frontiere, la crisi economica, ecc.
Lo stato non era in grado di garantire pienamente la continuità e il controllo del sistema monetario. Cominciarono quindi ad apparire monetazioni in bronzo di poco valore, che possiamo chiamare "denaro di necessità": sebbene prodotte da individui, erano più o meno tollerate dallo stato. Imitavano scarsamente le emissioni ufficiali e le effigi erano difficilmente identificabili.
Le monete trovate a Autun somigliano a quelle tipiche del terzo secolo, come per esempio quelle fatte coniare sotto l'imperatore Tetrico.
L'alto contenuto di rame nelle monete ha pure permesso al cesto di vimini, in cui i pezzi erano conservati, di preservarsi parzialmente.
Anche se forse avevano un certo valore, probabilmente le monete non erano un tesoro nascosto, ma un deposito di pezzi dismessi per essere rifusi. La fossa si trovava non a caso all'interno di una fonderia.
Per ripristinare una sana economia monetaria, alcuni imperatori avevano avviato riforme e tentato di sostituire le monete vecchie che non avevano altro valore che non fosse quello del loro metallo.
Il deposito di monete di Autun potrebbe essere legato alle riforme di Diocleziano durante la Tetrarchia (fine III secolo â€" inizio del IV).

fonte http://www.antikitera.net/news.asp?id=9609&T=2

lunedì 29 novembre 2010

TROVATO UN DENARIO ROMANO FALSO MOLTO PIU' RARO E DI VALORE DI QUELLO VERO



Il British Museum non ha mai visto una cosa del genere. Trovata nel pulire una partita di denari romani in argento un denario che era stata coniata da un FALSARIO nel 31.a.c.
Il fatto "misterioso" è che per realizzarlo il falsario ha usato una quantità di argento che in purezza e peso era di molto superiore al valore dello stesso denario.
Questa sua rarità ha spinto il valore di questa moneta dalle 100 euro nominali ad oltre 3000 euro.
Poichè la scoperta è stata fatta da un privato, ha deciso di venderla e col ricavato intende finanziare il suo piani di studi presso l'università di Brighton, dove risiede.
Il Denario repubblicano ai tempi dei romani era la paga di un giorno di un legionario. Questo in particolare raffigura una battaglia di Marco Antonio e Cleopatra. Ma poichè il falsario lo ha coniato molti anni dopo della battaglia ed aveva una scarsa memoria di ciò che la moneta voleva rappresentare ha inserito nel suo denario alcuni particolari sbagliati.
Ad esempio c'è un coccodrillo, ma è girato dalla parte sbagliata. Dall'altro lato c'è la faccia dii Giulio Cesare, quandoo dovrebbe essere quella del suo nipote l'imperatore Augusto.
Un'altro grave errore si trova nelle scritte che invece di riportare la dicitura Aegypto o Aegvpto, c'era scritto AEGIPTO.
Il mistero di cui si stanno ancora interrogando gli studiosi è chi e PERCHE' si sarebbe dovuto coniare delle monete con un'alto tenore di argento, superiore al loro valore commerciale.
L'ipotesi che si sta facendo più strada è che sia la prova che anche ai tempi vi fossero organizzazioni dedite al "riciclaggio" di refurtiva.
Molto probabilmente quindi dei ladri che hanno rubato grosse partite di argento, per poterle trasportare da un paese all'altro, le hanno fuse e "camuffate" da monete romane di valore anche inferiore, ma destinate ad essere rifuse una volta giunte a destinazione.

Fonte http://www.antikitera.net/

sabato 27 novembre 2010

Penne di legno create da relitto del Mary Rose



Penne di legno create dal legno del relitto della Mary Rose sono stati venduti per raccogliere fondi per un nuovo museo, per ospitare la nave da guerra Tudor.
Le 200 penne sono stati creati utilizzando legno di querce, faggi, olmi, bosso , trovato sui fondali del Solent vicino al relitto della nave ammiraglia di Enrico VIII.
La Mary Rose Trust spera di raccogliere 50.000 sterline.La nave affondò il 19 luglio 1545 con la perdita di più di 400 vite.
Il relitto è stato scoperto nel 1960 e nel 1982 è stato portato alla superficie per essere restaurato nel bacino di carenaggio a Portsmouth.
Ogni penna è contrassegnata con un numero unico che inizia con la sigla "MR", a significare che è stato recuperato dal sito del relitto del Mary Rose.

venerdì 26 novembre 2010

Un antica nave trovata in cina



Un'antica nave affondata è stato scoperto in un cantiere in Heze nella zona est della Cina nella provincia dello Shandong, nel settembre 2010.
La nave è stata costruita durante la dinastia Yuan (1271-1368) ed è la più antica nave affondata mai trovato in Shandong, secondo le informazioni da una conferenza stampa tenuta congiuntamente dalla Provincia di Shandong Istituto delle Reliquie Culturali e Archeologia, Heze Governo Municipale e la Heze Istituto Comunale di Reliquie Culturali e di Archeologia il 23 novembre.
Gli archeologi hanno recuperato circa 110 reperti,tra cui un vaso quasi intatto blu e bianco alto 42 cm con i disegni di un drago del valore di oltre 100 milioni di yuan.

mercoledì 24 novembre 2010

Pescatori trovano sul letto di un fiume un tesoro

Due pescatori hanno trovato più di un chilo di gioielli in oro antico, sepolto sul fondo del fiume. Gli esperti ritengono che i gioielli potrebbe essere di circa 2.000 anni fa.
I giovani hanno dichiarato di aver trovato il tesoro durante la pesca nel fiume Bakhtemir nella regione di Astrakhan Russia. Quello che prima però di essere solo un oggetto luccicante, si rivelò essere un bracciale antico e una collana.
La collana ha una decorazione di un animale disteso, simile a un gatto e un bracciale a spirale nello stesso stile.
Hanno aggiunto che il flusso del fiume può aver distrutto un luogo di sepoltura tra il IV secolo aC al I secolo dC .
I pescatori, che hanno consegnato i gioielli ritrovati alle autorità, riceveranno un premio che potrebbe arrivare fino al 50 per cento del valore del tesoro.
La valutazione dei gioielli è ancora da definire, mentre il bracciale e collana sono stati consegnati a al museo di Astrakhan.

martedì 23 novembre 2010

In vendita su ebay un anello d'oro



Questo prodotto è venduto su eBay.L'anello si dice che sia stato trovato dopo l'uragano Francis a sud di Sebastian. E 'stato testato come oro a 23k, e sembra, secondo alcune stime di provenire da un relitto del 1715.
Per chi è interessato ecco il link.

http://cgi.ebay.com/Not-Coin-1715-Spanish-Treasure-Fleet-Wreck-Gold-Ring-/140480799006?pt=US_Fine_Rings&hash=item20b54ee11e

In Vendita in Inghilterra un tesoro di Porcellane Cinesi


Un tesoro di porcellane cinesi, che giaceva sul fondo del mare per più di 100 anni dopo un naufragio,sta avendo un enorme succeso di vendita a Dartington.
La collezione di porcellane costituita da ciotole, piatti, piattini, caraffe, e tazze da tè sono in vendita con prezzi che vanno da £ 45 a £ 175 per elemento.
La vendita è destinata a continuare fino alla fine di gennaio.
La collezione di porcellane era a bordo del mercantile Tek Sing (che significa True Star) nel 1822 quando la nave si è arenata nelle secche Belvedere nel Mar Cinese Meridionale.
Solo 208 persone dei 1.600 a bordo sono sopravvissuti - guadagnandosi il titolo del relitto del Titanic d'Oriente.
Un grosso carico di seta e tè è andato a fondo insieme con la porcellana.
Nel maggio 1999, il relitto è stato scoperto dalla British Salvor e gran parte del carico è stata recuperata e poi descritto come il più grande carico di porcellana cinese mai recuperato.
Il Tek Sing era una nave enorme per il suo tempo e pesava più di 1.000 tonnellate, ma quando si partì con il suo carico di porcellana era così sovraccarico che molto del sup carico era stato legato al di fuori dello scafo.
A bordo vi erano 1.600 emigranti cinesi in cerca di una nuova vita nelle piantagioni di zucchero di Java. Disastro ha colpito la nave quando il capitano ha deciso di prendere una scorciatoia attraverso lo stretto Gaspar.

giovedì 18 novembre 2010

Il tesoro di Surcouf di Sandra Dual

Segnalo la prossima uscita di questo libro
IL TESORO DI SURCOUF
Sandra Dual
Magenes Editoriale
pp 224 •
Primavera 1863, Saint-Malo. Sul letto di morte, Jean-Marie Le Kellec, uomo di fiducia di Robert Surcouf, consegna al nipote lo scritto nel quale sono annotate le
conquiste del grande corsaro, i naufragi e i carichi perduti.
Un secolo più tardi Yann Le Kellec ritrova lo scritto dell’antenato e si imbarca su un catamarano in partenza per una missione di biologia sottomarina nell’Oceano Indiano.
Nel frattempo, nel porto di Gibuti,Erick Surcouf organizza una spedizione per recuperare l’oro del Sunderland, nave inglese affondata mentre tentava di sfuggire
alla caccia del suo famoso antenato pirata. Dal Mar Rosso all’Oceano Indiano, sulle orme di Yann e di Erick, tra corsari, predatori di relitti e archeologi sottomarini si svela un mondo segreto di cacciatori di tesori, uno degli ultimi campi in cui siano ancora possibili il sogno e l’avventura.

Filmato sul cacciatore di tesori Mel Fisher

Trova reliquario con il metal detector



Novembre 2010 - Londra, Inghilterra - James Hyatt al suo primo tentativo di ricerca con um metal detector ha avuto la classica fortuna del principiante ,quando ha trovato un medaglione d'oro che potenzialmente vale 2,5 milioni. Questo è un contenitore d'oro utilizzato per contenere le reliquie religiose - Gli esperti hanno datato il medaglione agli inizi del 16 ° - l'epoca di Enrico VIII - e dicono che potrebbe essere appartenuto ad un membro della famiglia reale.

Il reliquiario è stato dichiarato tesoro , cioè i proventi della sua vendita sarà condiviso tra la famiglia di James e il proprietario del terreno. I lati del reliquiario sono circa un pollice di lunghezza ed è in oro 73 per cento. Il fronte è incisa con una immagine della Vergine Maria che stringe una croce, mentre sull'altro lato ci sono incisi cinque cuori. Solo tre reliquiari di questo tipo sono stati trovati.

martedì 16 novembre 2010

Trovato in una soffitta un rarissimo vaso cinese



Un signora inglese e suo figlio che hanno trovato un raro vaso cinese mentre sgomberavano una soffitta di un parente morto.
Gli storici dell'arte di tutto il paese non riescono a capire come un capolavoro della dinastia Qing sia finito nella soffitta di un modesto bungalow a nord-ovest di Londra.
Gli scopritori non avevano la più pallida idea del valore del vaso, decorato con pesci rossi e risalente al 1740.
Il giorno della vendita, il vaso ha scatenato una guerra di offerta e, entro 30 minuti, il prezioso manufatto è stato acquisito da un anonimo uomo d'affari cinese per $ 86 milioni.
La vera origine del vaso e di come ne è venuto a essere in possesso della famiglia non può mai essere conosciuto, ma alcuni esperti dicono che è probabile che sia stato saccheggiato da un palazzo cinese intorno al 1860, durante la seconda guerra dell'oppio.

martedì 2 novembre 2010

Trovata pepita d'oro di 23,26 kg


Settembre 2010 - Western Australia - Lo scorso fine settimana i cercatori d'oro dell'australia dell'est riuniti per il loro incontro annuale a Ora Banda, un piccolo borgo nell'entroterra dell'Australia Occidentale. Al termine della riunione un ragazzo di nome Andy Comas,ha esposto un interessante anuuncio: ha recentemente acquistato e venduto una pepita del peso di 23,26 kg, il che la rende la terza pepita d'oro più grande del mondo esistente (subito dopo la mano di Fede di 27,21 kg e il Nugget Normandia a 25,5 kg). Quando Andy ha mostrato una foto della pepita il la gente semplicemente non poteva credere ai propi occhi. Questo era, naturalmente, ciò che ogni cercatore sogna di trovare.
La pepita era stato trovato un paio di settimane fa con un metal detector in una zona di Goldfields . Attraverso vari test è stato stabilito che la pepita ha una purezza del 92%. Con il prezzo dell'oro oggi di circa 1.240 dollari USA, il valore in oro di questa pepita sarebbe di circa 860.000 $. Ma, naturalmente, pepite di tale rarità anno un valore di due ,tre volte il valore dell'oro.

Comunque, Andy ha detto che il cercatore che l'ha trovato, e che desidera rimanere anonimo, gli ha dato una settimana di venderlo.Probabilmente verra acquisata da un collezionista americano.

venerdì 29 ottobre 2010

Cacciatore di tesori trova antiche pistole



Hispaniola Ventures, LLC e il suo finanziatore partner Marine Exploration, Inc. hanno ripreso le attività di esplorazione nella loro area al largo della costa nord della Repubblica Dominicana. Dopo aver sospeso le operazioni nel corso della stagione degli uragani.
Durante la prima settimana di indagini con il magnetometro, tre siti di relitti naufragati sono stati scoperti,e nuovi scavi vengono eseguiti al fine di determinare i periodi datazione e nazionalità probabile.
Durante l'esplorazione con metal detector subacquei si sono trovate fuse nel corallo un paio di pistole a pietra focaia del 18 ° secolo sono stati scoperti fusi insieme.
La scoperta sorprendente è stata fatta dal figlio di Burt Webber Kurt Webber. Una pulizia parziale delle massa di corallo ha rivelato un calcio di una pistola in cui e raffigurata la faccia del diavolo.

giovedì 28 ottobre 2010

Trovato uccello d'oro nel fondo dell'oceano


Vero Beach - Bonnie Schubert non poteva credere ai suoi occhi quando,a circa 1.000 metri al largo di Frederick Douglass Beach vicino a Fort Pierce,si è trovato faccia a faccia con una statua d'oro a forma di un uccello che era rimasto sotto l'Oceano Atlantico esattamente 295 anni e 15 giorni.
"The Bird", come è stata chiamata la statua ha un valore stimato di 885 mila dollari.
La statua era a bordo di una nave spagnola facente parte di un convoglio di 11 navi cariche di tesori provenienti dal Nuovo Mondo che partiti dall'Avana incontrarono un uragano il 31 luglio 1715, e affondarono al largo della costa del Tesoro.
Shubert, 49 anni,ha trovata la statua con l'aiuto della madre di 87 anni che le faceva di equipaggio ,Schubert state scandagliando con il suo metal detector una zona del fondo dell'oceano.
Bonnie Schubert ha detto che aveva appena iniziato a esaminare un "buco" in cui diversi centimetri di sabbia erano stati spazzati via quando vide la statua.
"Il metal detector mi ha dato un segnale, ho tolto un po di sabbia e ho visto la statua era assolutamente perfetta e così incredibilmente d'oro",
Bonnie Schubert ha portato subito la statuta in barcabarca dove la madre era in attesa.
All l'uccello manca un'ala", ha spiegato, l'ala è ancora mancante,gli esperti ritengono che la statua è una rappresentazione di una colomba, ha detto Brent Brisben, direttore operativo del 1715 Gioielli Fleet-Queen's.
"Gli spagnoli erano molto cattolici,e per loro la colomba nella sua pietà rappresenta Cristo sulla croce,che ha versato il suo sangue per redimere l'umanità."

Questo il filmato
Mother-daughter treasure hunters find gold

Visita il Titanic nel 2011


Visita il Titanic nel 2011 - una volta nella vita l 'opportunità di un Viaggio sul naufragio del Titanic
La leggendaria Titanic è una delle navi più popolari di tutti i tempi. Quasi 100 anni dopo il suo affondamento il 14 aprile 1912, continua ad affascinare il pubblico e scienziati da tutto il mondo.Oltre 100 spedizioni sono andati sul Titanic.Nel 2011, ci sarà una spedizione di immersione sul Titanic, che sarà aperta al pubblico offrendo una esperienza unica nella vita. Anche se il prezzo è di $ 40.000 a testa, gli ospiti saranno inviati sul relitto del Titanic tramite un sommergibile MIR .Per saperne di più sulla RMS Titanic Dive Expedition 2011

mercoledì 27 ottobre 2010

SS Republic Video Recupero

Bellisimo video sul recupero di monete in oro e argento nella nave SS Republic

Tesoro trovato in un cannone


SEBASTIAN 18-08-2010 - Decine di monete d'oro e d'argento nascosti da quasi 300 anni sono stati trovati Venerdì, quando un cannone recuperato l'11 luglio da una nave naufragata spagnola, è stato pulito per la la sua conservazione.
Subaquei dalla barca di recupero "Gold Hound" hanno recuperato un cannone girevole in bronzo, in meno di 20 metri d'acqua tra Wabasso e Vero Beach, ha detto Anne Kazel-Wilcox, portavoce di 1.715 Fleet-Queens Gioielli , una società di recupero privata con sede a Sebastian.
Il cannone pesantemente incrostato è stata ceduto alla Mel Fisher’s Treasures facility in Sebastian per il restauro,Kazel-Wilcox ha detto,il cannone è stato apero e le monete sono state trovate dentro".
Oltre a 22 monete d'oro trovati nei pressi del cannone,e altre 25 monete d'oro e 63 monete d'argento sono stati trovati all'interno, per un valore stimato di $ 500.000 o più.
"Questo è un sorprendente fatto storico",ha detto Greg Bounds Fellsmere, capitano della Hound Gold, "Abbiamo trovato un tesoro nel tesoro. SEmbra quasi il film dei 'Pirati dei Caraibi,' tranne che questa è una cosa reale. Per secoli si è parlato di tesori nascosti all'interno di cannoni, ma fino ad oggi era solo leggende dei pirati. Ora ne abbiamo la prova che è vero ".
Il relitto faceva parte di una flotta di 11 galeoni e navi da guerra carichi d'oro barre d'argento, monete, diamanti, smeraldi e perle partito dall'Avana per il re Filippo V di Spagna. Il carico inclusa la cosiddetta "Regina Gioielli", uno smeraldo da 74 carati, perle e diamanti destinati a Filippo sposa Elisabeth nuovo, che secondo come riferito ha detto che non avrebbe consumato il matrimonio fino a quando non li avrebbe ricevuti.
Le navi affondarono in un uragano al largo della costa del Tesoro il 31 luglio 1715.
Il mese scorso, 1715 Fleet-Queens Gioielli, una società di recupero privato, ha acquisito i diritti di recupero per la flotta dagli eredi del cacciatore di tesori Mel Fisher.
Per legge, lo Stato ottiene il 20 per cento del ritrovamento, il resto verra diviso tra il 1715 50-50 Fleet-Queens Gioielli e i subappaltatori.

Monete americane trovate in un giardino Inglese



18-10-2010

Un prezioso tesoro di monete d'oro americane è stata portata alla luce in un giardino orientale di Londra - E' uno dei tesori più curiosi trovato nella Gran Bretagna.
Tesori sepolti vengono scoperti ogni tanto, ma in genere sono monete romane.Chi ha nascosto le 80 monete del secoli 19 ° e 20esimo puo essere ancora vivo. Perché hanno scelto un giardino isolato residenziale a Hackney è un mistero.
Gli archeologi più abituati a decifrare quale imperatore romano è raffigurato su una moneta sono stati presi alla sprovvista neltrovare - 20 dollari di oro "Double Eagle" pezzi che vanno dal 1854-1913 e per lo più coniate a San Francisco e Philadelphia.Si stima,un valore di centinaia di migliaia di sterline. Le monete, pesano ognuno 33 grammi,e andranno in mostra al Museo di Londra domani.
Sono stati scoperti da due residenti che hanno deciso di fare giardinaggio con un paio di amici. Una vanga ha colpito qualcosa di duro. Aspettandosi di rimuovere un mattone o una pietra, si trovarono a fissare oro splendente delle monete. Uno degli scopritori , interessato all'archeologia,ha allertato il Museo di Londra, che ha contattato la Portable Antiquities Scheme al British Museum.
Il dottor Roger Blandtold ha setto: "C'è un grande mistero su chi ha potuto aver sepolto le monete.
Se le monete saranno non sarannoreclamate da nessuno e non provenienti da traffici illeciti ,diventeranno di proprietà della Corona e verranno valutati.Il Hackney Museo vuole acquisirli e la somma versata sarà diviso tra il proprietario del terreno ed i cercatori.

Scoperto un tesoro di frutta secca

Le anfore si trovano disposte in posizione leggermente diversa da quella originale, un probabile indizio del fatto che la nave, affondando, si sia appoggiata su un fianco. La sensazionale scoperta archeologica è stata presentata alla Soprintendenza del Mare a Palermo dall'assessore regionale dei Beni Culturali e dell'Identità siciliana, Gaetano Armao e da Sebastiano Tusa, soprintendente del Mare. «Per conoscere con precisione la natura del carico - ha spiegato Tus a- si è effettuato il prelievo di un'anfora e si procederà ad accertamenti di natura tipologica e merceologica. Ad una prima analisi possiamo supporre che fosse una nave annonaria, al servizio di Roma e che navigasse lungo le rotte nautiche commerciali dell'epoca, quali, per citarne alcune, Lilibeo- Roma, Milazzo-Roma». Le ricognizioni effettuate hanno portato all'individuazione di un altro relitto, anch'esso ad oltre cento metri di profondità. Le ricerche archeologiche nel mare di Panarea riprenderanno il 15 luglio per identificare con precisione il relitto ed effettuare operazioni di scavo e recupero.

SCOPERTO TESORO IN UNA TOMBA IN UNA PIRAMIDE PERUVIANA DI 1500 ANNI.

Mummia di una donna Donna e' stata trovata in una Piramide Moche.

Questo diadema di rame dorato, reale o fascia, è stato trovato in una tomba insieme al capo di una tribù Moche. Un ritrovamento senza precedenti 11 diademi erano seppelliti insieme all'antico sovrano, di cui uno piegata a metà e messo in cima per formare una stuoia per il Corpo del Signore.

Ogni diadema è diverso e può essere servito un distinto scopo, ha detto Steve Bourget archeologo. Il diadema di cui sopra, per esempio, può avere contribuito a marchio, in qualità di signore di una posizione chiave in un probabile sacrificio rituale della cultura Moche.

Siria. Scoperto tesoro di monete di Alessandro il Grande



Numerose monete antiche sono state rinvenute durante gli scavi delle fondamenta di una nuova costruzione in Siria. Il tesoro, composto da più di 250 monete d’ argento e risalente al tempo di Alessandro il Grande, è stato rinvenuto nella Siria settentrionale, secondo quanto affermato da un archeologo siriano.

Youssef Kanjo, capo degli scavi archeologici nell’antica città di Aleppo, ha affermato che le monete sono state scoperte circa un mese fa nella Siria settentrionale, mentre un uomo stava scavando le fondamenta della sua nuova casa.

La monete risalgono al periodo ellenistico, che va dal IV al I secolo a.C., epoca in cui la cultura greca si diffuse in Medio Oriente e non solo, sulla energica spinta delle numerose conquiste fatte da Alessandro il Grande.

Kanjo ha aggiunto che la scatola conteneva due diversi gruppi di monete, 137 tetradracme (monete utilizzate anche nell’antica Grecia) e 115 dracme.

Un lato della tetradracma raffigura Alessandro il Grande, mentre l’altro lato mostra il dio greco Zeus seduto su un trono con un’aquila appollaiata sul braccio teso. Alcune delle monete recano l’indicazione re Alexander in greco, mentre altre soltanto la parola Alexander o il nome del re Filippo, riferendosi molto probabilmente a suo padre.

Dopo le conquiste di Alessandro il Grande, molti dei successivi regni in Medio Oriente adottarono le dracme come moneta ufficiale. “La scoperta è estremamente importante e va ad aggiungersi ai tesori archeologici giunti a noi dall’epoca ellenistica” sostiene Kanjo.

Volterra scoperto tesoro mediovale

Fogli per lo più scritti in primo volgare italiano, la lingua di Dante, in prima lingua di corte, poesie, conti di casa, inventarii, primissimi rari e inediti scritti politici, una lettera commendatizia dei Tarlati di Arezzo scritta nello stile di Guido Fava e sicuramente una chicca: una lettera che descrive la sera in cui fu soffocata la Congiura dei Bardi a Firenze, a firma Cecchino Cacciaguerra di San Gimignano, lettera che sembra un vero e proprio reportage dell'epoca, racconto l'importante episodio storico vissuto e veduto di persona e lo descrive citando fatti, nomi e cognomi, come un cronista moderno.
400 carte preziosissime, una vera miniera di informazioni che approfondiscono la conoscenza della storia della Toscana medioevale e ne mettono in luce molti aspetti inediti, sono emersi dal ricchissimo patrimonio volterrano trascritti e dati alle stampe dalle Edizioni Migliorini per conto della Pro Loco. verrano presentati Mercoledì 18 Agosto a Volterra in Palazzo dei Priori alle ore 17 alla presenza di importanti personalità tra le quali i due Presidenti della Deputazione di Storia Patria di Toscana e Umbria il prof Giuliano Pinto e il prof Attilio Bartoli Langeli.

La Cina Vuole acquistare un favoloso tesoro archeologico

La Cina ha mostrato un forte interesse nell'acquisto dell'enorme tesoro recuperato nel 2004 da un relitto nelle acque dell'Indonesia. Come successo per le precedenti due aste, anche l'ultima tenutasi a Giacarta non è riuscita ad attirare un singolo acquirente in grado di pagare i 16 milioni di dollari di deposito richiesti.I dettagli non sono ancora stati discussi e per il momento non c'è alcun accordo formale, ma secondo fonti governative indonesiane il tesoro alla fine andrà a finire nei musei di Cina e Indonesia. Si tratta di ben 271.000 oggetti di fine 10′ secolo, tra cui 4000 rubini, 11000 perle, gioielli d'oro, cristalli di rocca Fatimidi, cristalleria persiana e porcellana cinese.Heymans fa anche sapere che gli investitori coinvolti nel progetto di recupero â€" costato circa 10 milioni di dollari, dice â€" speravano di trovare una soluzione in tempi rapidi che garantisse loro di ottenere dei profitti: "Ci siamo presi dei grandi rischi finanziari nell'operazione ed è logico per noi avere indietro i nostri soldi", aggiunge.

venerdì 7 maggio 2010

Interviste a Claudio Bonifacio

Due interviste a Claudio Bonifacio autore di Galeoni e Tesori Sommersi,rilasciate tempo fa al giornale la Stampa.
Si trovano davanti alle coste spagnole, nella baia di Cadice L'Eldorado in fondo al mare Caccia a 300 galeoni pieni d'oro
MADRID NOSTRO SERVIZIO Nella baia di Cadice, una zona marina di 70 chilometri che va dall'omonima e bellissima citta' andalusa a San Lucar de Barameda, a una profondita' media di appena 30 metri, ci sarebbe un sottomarino. Almeno 300 galeoni (le navi da carico dei tempi di Carlo V e di Filippo II) pieni zeppi d'oro, argento e pietre preziose, destinate, se le navi non fossero naufragate, alla famosa di Siviglia, collegata con la baia di Cadice dal fiume Guadalquivir. Secondo studi realizzati dalla l'affondamento delle navi, naufragate nella baia (famosa per i suoi venti tempestosi e le forti maree) dal 1500 fino al 1820, e' documentato nell' di Siviglia. L'associazione, che non ha scopi di lucro, vorrebbe recuperare i tesori sommersi, che calcola ammontino addirittura a 2 milioni di miliardi di pesetas, qualcosa come 20 milioni di miliardi di lire. riferisce che uno dei ricercatori dell'associazione, l'italiano CLAUDIO BONIFACIO, stima che, solo in oro ed argento, sarebbe sommerso un patrimonio pari ad un quinto di quello prima citato. Ma, a differenza di quanto succede nelle Azzorre portoghesi, o di una legge approvata nel giugno del '95 che permette ai di recuperare il bottino dei galeoni spagnoli sommersi (almeno 274) ed intascarsi dal 30 al 70 per cento del bottino, la regione Andalusia ed il ministero della Cultura di Madrid impediscono di far riaffiorare i tesori, in quanto temono che l'unica cosa che interessa agli archeologi sottomarini sia rubare. Che nella baia di Cadice, adesso una delle zone piu' povere di Spagna ma una volta ricchissima (non a caso venne saccheggiata due volte, prima dai pirati olandesi e poi da quel gran corsaro inglese che fu il conte di Essex nel 1600), vi siano un sacco di navi non v'e' dubbio. Il statunitense Mel Fischer, con una speciale imbarcazione munita di sonar, scandaglio' il tratto di mare nel '92 e dai risultati, scientifici, appare in tutta evidenza che sotto le acque vi sia un cimitero di galeoni. E Fischer, di tesori, se ne intende. Nel 1971 recupero' tutto quanto era nelle stive della , affondata al largo della Florida (una volta possedimento dell'impero spagnolo) nel 1622. E s'intasco' tra oro, argento e gioielli ben 300 milioni di dollari. Nei pressi di Cadice si troverebbe, sempre secondo quanto e' scritto nell' di Siviglia, la , un galeone che affondo' nel 1551 con un gigantesco bottino che gli spagnoli, come sempre, avevano rubato agli indigeni del Centro-Sud America (15 tonnellate d'oro e d'argento). A Cadice, un porto fondato nel 1100 a.C. dai Fenici, sono pero' scettici. . . Pero' l' di Siviglia, riferisce l'agenzia , indica che sotto la baia di Cadice c'e' un vero e proprio immenso tesoro: dal 1496 al 1822 sono naufragati 788 galeoni, il cui carico stimato e' di 800 tonnellate d'oro e 12 mila tonnellate d'argento. L'Associazione della Rescate vorrebbe ripescare i galeoni con fondi pubblici. E l'Andalusia non ha una peseta. Ma, forse, con fondi privati, i tesori potrebbero tornare alla luce. E, come se non bastasse, c'e' pure da scandagliare il Guadalquivir, il fiume navigabile che va da Cadice a Siviglia. Anche qui, di navi affondate, ce ne sono centinaia. Gian Antonio Orighi

In mare una fortuna in argenti e monete
Raccontavano i che il re-sciamano si immergesse nel lago dopo essersi cosparso di polvere d'oro. Sole e acqua si fondevano in un accecante bagliore nel regno dell'Eldorado, per il quale si dannarono senza esito esploratori e soldati della corona di Spagna. La terra dell'eccesso non fu mai trovata, ma c'e' un altro Eldorado. E' sepolto negli oceani, sedimentato dalla furia predatoria di quegli stessi europei che colonizzarono le Americhe. Decine di migliaia di relitti, colmi d'oro, argento, monete e preziosi, di cui si puo' immaginare lo strabiliante valore ma di cui non si e' mai riusciti a tracciare una mappa definitiva. Gli storici hanno calcolato che solo nel Golfo del Messico e nel Mar dei Caraibi marciscono 800 velieri, colati a picco tra XVI e XIX secolo, mentre 200 si trovano davanti alla foce del Guadalquivir, 380 nell'Oceano Indiano e 70 tra Capo Verde e Azzorre. I resti di altri 800 legni perduti tra '400 e '800 sarebbero adagiati davanti alle coste italiane. Quest'ultima stima e' di CLAUDIO BONIFACIO, uno dei maggiori esperti mondiali di tesori perduti o , come preferisce definirsi. , si entusiasma da Siviglia, dove si e' trasferito per attingere alla materia prima delle sue ricerche. Nella citta' della riposano i 40 milioni di documenti dell'Archivio delle Indie che lui compulsa da un ventennio, riportando in vita lettere e registri e ricostruendo transazioni, rotte e, naturalmente, disastri. , spiega BONIFACIO e cita, tra tanti, i due velieri francesi che si persero nel 1495 davanti a Terracina, il galeone inglese che nel 1590 si infranse a poca distanza dalla Sicilia, l'ammiraglia spagnola che si areno' nel 1677 sulla scogliera di Pianosa: tutti portavano monete, gioielli e lingotti. , dice, al cui valore intrinseco si unisce quello storico. .(g. bec.)

lunedì 26 aprile 2010

Sito Americano di un Cacciatore di Tesori Sommersi

Sito Americano di un Cacciatore di Tesori Sommersi

http://www.treasureexperience.com/

Galeoni e Tesorsi Sommersi di Claudio Bonifacio


Per gli appasionati del genere è stato pubblicato da poco in Italia il libro di
Claudio Bonifacio Galeoni e Tesori Sommersi

Tra il XVI e il XIX secolo, migliaia di galeoni, vascelli e fregate naufragarono nelle acque di Spagna, Portogallo, Messico, Cuba, Colombia e Filippine, trascinando con sé i loro carichi dal valore oggi inestimabile.
In questo libro il lettore troverà, oltre a una minuziosa descizione di quei naufragi, avvenuti lungo la Via delle Indie, anche una vera e propria mappa del tesoro completa delle coordinate nautiche dei luoghi in cui giacciono alcuni di questi relitti.
Un libro che è insieme saggio, manuale di navigazione e diario di viaggio, e che descrive un mondo spesso sconosciuto: la vita quotidiana degli equipaggi, le peripezie dei naufraghi, le malattie, le battaglie navali anglo-spagnole, il contrabbando.
Una storia lunga secoli, fatta di tesori e miserie, sfruttamento e ricchezza, guerre e commerci, che ci riporta all'epoca delle conquiste degli oceani e delle terre nuove, dedicata a chi ama le avventure reali.
Claudio Bonifacio dal 1981 si dedica professionalmente allo studio dei naufragi portoghesi e spagnoli, attraverso ricerche svolte principalmente negli archivi del Portogallo e nell'Archivio delle Indie di Siviglia. Ha partecipato a programmi televisivi e conferenze ed è stato collaboratore di varie riviste. Per anni è stato delegato per la Spagna della cooperativa di archeologia subacquea Aquarius di Milano.

Claudio Bonifacio
Galeoni e tesori sommersi
Mursia
ISBN 978-88-425-4340-4
Euro 22,00

venerdì 8 gennaio 2010

Metal detecting hobby e salute

Oggi parlero, di metal detecting ovvero la ricerca di oggetti perduti con il cerca metalli,
hobby nato in america e sviluppatosi anche in Italia che vanta molti appassionati.
Cosa si cerca,si va dalla militaria, alla ricerca di monete perdute campagna o in spiaggia,
il tutto nel rispetto delle vigenti leggi in Italia che permettono la ricerca in aree pubbliche
vedi spiaggie e terreni.E’ vietata la ricerca in aree archeologiche.
Un hobby che permette di stare a contatto della natura e fare un po di movimento,magari
trovando qualcosa di interessante da mostrare ai propri figli e amici.
Di seguito alcuni link sia italiani che stranieri che parlano approfonditamente di questo hobby.

Vari forum Italiani

http://metaldetector.forumfree.it/

http://romagnametaldetector.forumfree.it/

http://metaldetectorforum.forumfree.it/

http://3dmetaldetector.forumfree.it/

Blog sempre italiani

http://www.imede.it/

http://bodhi3.wordpress.com/

Forum americani

http://www.findmall.com/

http://www.treasurenet.com/

martedì 5 gennaio 2010

Il cacciatore di tesori che usa Google Earth

Fonte la stampa.it

«Ho scoperto una nave piena d'oro». Nessuno gli crede e lui inzia una battaglia legale per poter fare gli scavi
NEW YORK
Si chiama Nathan Smith e il suo hobby preferito è scovare i tesori con Google Earth. La sua ultima scoperta? Una nave con un carico del valore di circa tre miliardi di dollari. Secondo il cacciatore, il vascello risale al 1822, periodo della colonizzazione spagnola della zona di Refugio, in Texas. Musicista di professione, il signor Smith trascorre il suo tempo a caccia di reperti storici di grande valore utilizzando il famoso software, accessibile a tutti gli internauti, che consente di esplorare i più remoti angoli del pianeta.
Secondo la sua ricerca- riporta il Telegraph- la nave si trova esattamente nella zona conosciuta come Barkentine Creek, e dopo avere scandagliato l'intera area con una gruppo di esperti e dei metal dector, Smith non ha più nessun dubbio sul "nascondiglio" del suo tesoro. Ricostruita sotto ogni dettaglio la mappa, non resta che inziare a scavare. Ma il vero problema del cacciatore di tesori high-tech è che nessuno gli crede. Il vascello si troverrebbe sepolto sotto un mare di fango e terra all'interno di un ranch, ma i proprietari si rifiutano di lasciar scavare Smith. Così il caso finisce in tribunale. I documenti e le fotografie del luogo del tesoro sono state sequestrate dalla corte, ma Smith durante un'udienza ha detto di essere in grado di fare una "x" sul punto esatto in cui crede si trovi la nave.
I suoi avvocati dicono che il punto cruciale del caso, conosciuto come "Smith contro La Nave abbandonata", è capire se l'area del tesoro sia terra o come canale navigabile. Se si tratta di canale, allora, la legge stabilisce che la prima persona che trova il tesoro può inziare a scavare e mettere le mani sul malloppo. Se si tratta di terra, invece, appartiene alla famiglia proprietaria del ranch. Il caso arriverà in aula il mese prossimo. Ron Walker, avvocato dei proprietari del ranch ha espresso chiaramente la posizione dei suoi clienti a ABC News: «E' offensivo che qualcuno possa andare su Google Earth, scoprire una fortuna e poi chiedere di fare degli scavi in un proprietà privata, senza avere nessuna prova dell'esistenza di un tesoro».
Il signor Smith è stato ispirato dal film con Nicolas Cage "Il mistero dei templari", ma la sua scoperta potrebbe essere reale se si pensa che, non molto distante, un team di archeologi nel 1995 ha riporatato alla luce una nave dell'esploratore francese La Salle.